lunedì 28 gennaio 2013

Il sole di Alur - La sesta regola


IL SOLE DI ALUR - LA SESTA REGOLA, di Alessandro Fusco
Il ciliegio edizioni, 241 pagine, € 17,00
Genere: high fantasy
Giudizio: abbandonato


Lo giuro, mi sento tremendamente in colpa quando abbandono i libri degli esordienti.
Quelli di autori affermati non ho problemi a recensirli con cattiveria (anzi, direi che c'è anche una certa maligna soddisfazione), ma quando si tratta di un esordiente mi dispiace lasciare il libro a pagina cinquanta e doverne parlare in termini poco lusinghieri.
D'altro canto, soffro ancora di più nel dover:
- prosegurie la lettura di una cosa scritta male;
- sopratutto, scrivere una recensione generica e fasulla che non serve a niente per non far dispiacere all'autore (tipo: libro caruccio, ma con qualcosa da sistemare). Preferisco una serie di stilettate che però risultino utili. 
Fatta la solita premessa, veniamo a "Il sole di Alur".
La maggior parte dei commenti che si trovano a questo libro sono buoni, quindi ero convinta, quando mi è arrivato dalla catena, di avere in mano qualcosa che valesse. Invece come tantissimi fantasy italiani è zeppo di errori da far rabbrividire.
Altra premessa, stavolta a favore dell'autore: ma l'editor ci ha veramente lavorato, così come si evince dal colophon? Perché gli errori sono talmente macroscopici da far venire dei dubbi. Come è possibile che nessuno se ne sia accorto prima di mandare in stampa il libro?
Altro esempio di esordio rovinato dall'incompetenza degli addetti ai lavori.
In generale posso riassumere le cose che non vanno in tre punti. Premetto che sono davvero arrivata attorno a pagina cinquanta (46, per la precisione), perciò ho una visione parziale, ma a me è più che sufficiente per decidere di non proseguire con la lettura (questa sembra un'affermazione pregna di arroganza, però è vero).
Prima però facciamo un accenno alla trama, che vede protagonista un ragazzino di nome Thérion che al 100% si rivelerà prescelto per qualcosa e che, guardacaso, è un orfano. Questo ragazzo è in viaggio verso la capitale per incontrare un sacerdote e si unisce a una carovana di nomadi che, di nuovo guardacaso, si riveleranno cattivi e lo rapiranno. Il ragazzo verrà salvato da Gandalf e Silente riuniti in un solo mago. Non sto scherzando, la descrizione è questa: "Aveva lunghi capelli grigi dai riflessi d'argento, come la barba, e portava un paio di occhiali curiosi calcati sul naso aguzzo".
Io non me la prendo per i cliché, ma c'è gente che non li ama particolarmente, quindi una trama che si basa su trovate lette e rilette e rilette e rilette offre molto il fianco alle critiche.
E veniamo ai tre punti di cui dicevo prima.
1. Il narratore e il punto di vista
Bisogna che faccia un post su questo argomento, perché non c'è nessuno che sembri sapere come funziona.
Ne "Il sole di Alur" la scelta di fondo è quella del narratore onniscente. Onniscente, lo dice la parola stessa: che sa tutto.
E allora, narratore onniscente, perché te ne vieni fuori con frasi tipo: "Questa dovette essere la conclusione del mugnaio"?
Se tu sai tutto devi scrivere: "Questa fu la conclusione del mugnaio", perché tu sai che è così, non puoi fingere di ipotizzarlo se sei onniscente!
Inoltre, spesso il punto di vista passa a Thérion, dandoci una visione parziale della situazione.
Bisogna scegliere: o si è onniscenti, modo di scrivere abbastanza difficile secondo me, o si lascia il POV a un solo personaggio e non ci si schioda da lì.
2. La credibilità della trama
Il romanzo parte in medias res e poi fa un omerico flashback, ma questo non è un gran problema. Il problema è che il ricordo del passato comincia dopo che il nostro eroe sviene in una maniera talmente imprevista da risultare irreale solo perché l'autore aveva bisogno di un pretesto per inserire il flashback ("mentre scivolava in un sonno profondo, la sua mente si volse al passato, ripercorrendo tutti i momenti, belli e brutti, che aveva trascorso da quell'ultima estate a Collebaldo, da quando, cioé, era partito per quell'incredibile viaggio).
Il problema numero due è che Thérion fa cose assolutamente prive di senso.
Ho detto prima che viene catturato dai nomadi. Viene rinchiuso in una cella con altri quattro ragazzi di cui uno, Shandor, ha un pugnale con cui si libera dalle corde; dopodiché lo passa al nostro eroe e assieme scappano.
E gli altri tre poveretti?
Vengono lasciati lì! Del resto hanno la personalità di sacchi di patate, dicono una sola frase fatta ciascuno, perché portarseli dietro?
Il bello è che però, mentre ancora si sta liberando dalle corde, il pensiero di Thérion corre "agli altri prigionieri e al destino ignoto che li attendeva. Il suo cuore era rapito da una confusa miscela di emozioni, diviso fra la paura e l'eccitazione, ma anche da una profonda tristezza".
Ricapitoliamo: Thérion decide di scappare con uno solo dei ragazzi, gli altri non ci pensa nemmeno a portarseli via, però gli dispiace per loro. Ma, cavoli, ci voleva tanto a liberarli?
Per fortuna ha un ripensamento e, circa dieci minuti dopo essere fuggito, di sua spontanea volontà (e lo sottolineo di nuovo: di sua spontanea volontà), torna dal capo dei nomadi e gli propone di scambiare se stesso con gli altri prigionieri in nome della pietà religiosa (se li avesse salvati prima non avrebbe avuto questo problema).
Indovinate cosa fa il capo dei nomadi? Quello che avrei fatto anche io: si fa una sghignazzata e gli indica la strada della cella perché ci ritorni dentro.
Ah, ma prima si affretta a dire al ragazzo che il cadavere che c'è nella sua stanza, un uomo che lui ha appena ucciso per rabbia, è un ubriaco addormentato. Insomma, salviamo la faccia di fronte a Thérion che abbiamo rapito per venderlo: mercante di schiavi sì, ma assassino no!
Ovviamente Thérion, che a questo punto abbiamo capito avere il cervello inceppato, torna in cella senza fare storie.
Potrei andare avanti con le incoerenze, ma è meglio che mi fermi qui.
3. Mostra, non raccontare!
So per esperienza personale che gli autori, mentre scrivono, non si rendono conto di commettere questo errore, però per ovviare si hanno a disposizione due validi strumenti:
- riletture del testo;
- un editor.
Quindi devo ribadire ciò che ho detto anche prima: ma l'editor il cui nome appare nel colophon ha davvero lavorato a questo libro?
Per comodità prendiamo la stessa frase di prima, riferita al mago: "portava un paio di occhiali curiosi calcati sul naso aguzzo".
Ora, qualcuno mi spieghi come sono fatti gli "occhiali curiosi". Per quel che mi riguarda potrebbero essere due gigantesche lenti tonde, degli occhialetti a mezza luna o anche un paio di Rayban da sole.
Capite che cosa intendo dire?
Ci sono altre frasi del genere sparse qua e là, ma la migliore, quella che vuole dire meno in assoluto, è: "Correva attraverso luoghi ameni". Questa è una delle classiche espressioni da scrittore (ed editor) pigro. Come fa il lettore a formarsi un immagine nella mente se viene detto solo "luoghi ameni"?
Siamo al livello di quelli che descrivono i combattimenti con frasi tipo: "Si scontrarono con le spade e X vinse".

Basta, è meglio che non vada avanti a sputare altro veleno.
Non so se questa casa editrice sia con contributo economico oppure no, ma se a me fosse arrivato un manoscritto così in valutazione avrei consigliato all'editore di non pubblicarlo; o, per lo meno, di pubblicarlo dopo averlo riscritto da capo (perché magari, al di là dei cliché iniziali, ha una buona trama; essedo arrivata a pagina 46 questo non posso dirlo).

domenica 13 gennaio 2013

Vele spiegate al San Giorgio di Mantova Books 2013!

Con l'anno nuovo ritornano, puntuali, le notizie riguardo al San Giorgio di Mantova Fantasy che quest'anno si allarga per diventare "San Giorgio di Mantova Books".
Ecco il primo comunicato stampa ufficiale:

Il San Giorgio di Mantova Fantasy si apre a tutti i generi letterari e diventa San Giorgio di Mantova Books.
Inauguriamo oggi il nuovo sito curato da Alfonso Zarbo, attraverso il quale potrete leggere in tempo reale news e work in progress relativi alla manifestazione.
San Giorgio di Mantova Books - Sito ufficiale
Vi segnaliamo inoltre la nuova fantastica (è proprio il caso di dirlo) grafica ideata da Fabio Cicolani.
Ci apprestiamo così a riaprire i battenti anche per il 2013 e annunciamo che il San Giorgio di Mantova Books si terrà sabato 8 e domenica 9 giugno presso il Centro Culturale di San Giorgio di Mantova.
Con grandi eventi già confermati, presentazioni letterarie, seminari e ospiti d’eccezione, il San Giorgio di Mantova Books aspira a essere un momento di incontro tra addetti ai lavori e lettori, e, soprattutto, un’occasione di divertimento per gli appassionati di libri di tutta Italia. Ideata da chi ama il fantastico in tutte le sue accezioni, la manifestazione si prefigge di creare un ponte tra i vari generi letterari, una zona franca per la creatività al di là di ogni frontiera.
A partire da Mauro Fantini, ideatore della manifestazione e direttore artistico della nuova edizione, noi dello staff del San Giorgio di Mantova Books siamo uniti dall'amore per la scrittura e la lettura, costantemente impegnati sul campo per realizzare progetti di condivisione letteraria. Dedichiamo il nostro tempo libero alla diffusione, alla promozione e alla valorizzazione della parola scritta a ogni livello, crediamo nella forza del sostegno reciproco tra autori.
Ma per fare il San Giorgio di Mantova Books, oltre alla nostra passione, serve il vostro aiuto!
Cerchiamo volontari disposti a regalarci un po’ del loro tempo
Cerchiamo sponsor che credano e investano nel nostro progetto
Cerchiamo aiuto nella diffusione delle notizie sull’evento
Mancano ancora tanti mesi, è vero, ma vogliamo partire presto e con il piede giusto, per fare qualcosa di bello, intelligente e, soprattutto, gratuito per tutti i suoi fruitori.
Se desiderate esserci, come volontari, autori, sponsor, giornalisti, editori, illustratori, sarete i benvenuti. Non dovete far altro che scriverci all'indirizzo redlie@tiscali.it
Gli stand per autori, illustratori ed editori sono gratuiti. Le iscrizioni per la partecipazione sono aperte fino ad esaurimento degli spazi espositivi.

Dalla prigionia nello Spielberg al ritorno alla vita


DALLA PRIGIONIA NELLO SPIELBERG AL RITORNO ALLA VITA, di Cristina Contilli
Lulu.com, 182 pagine
Genere: romanzo storico
Voto: 4/5


Con questo libricino Cristina Contilli ci porta nel mezzo del Risorgimento Italiano.
Una narrazione dialogica basata sulle lettere di Silvio Pellico e dei suoi amici che mette in luce il lato più umano del Pellico, ricostruendo le sue debolezze, le sue passioni e il grande amore che lo legava alla contessina Cristina Archinto Trivulzio.
Supportata da una ricerca storica mirabile, quest'opera ha il grande pregio di portare il lettore all'interno dei fatti studiati sui libri, relativi a una delle epoche più dolorose e allo stesso tempo gloriose del nostro paese.

martedì 8 gennaio 2013

Il seggio vacante - commento

IL SEGGIO VACANTE, di J.K. Rowling
Salani Editore, 533 pagine, € 22,00
Genere: narrativa, fiction
Voto: 5/5


Leggendo i commenti a questo libro, la frase più frequente che si trova, declinata in diverse varianti, è: "Non si tratta di Harry Potter, non ha nulla a che fare con Harry Potter".
Da una parte è vero; non c'è magia, solo ordinaria umanità.
Eppure mi sento di dire che con questo romanzo la Rowling completa un percorso che, secondo me, aveva già intrapreso quando ha ucciso Cedric Diggory alla fine de "Il Calice di Fuoco": ossia scrivere un romanzo per adulti. Perchè è innegabile che la presenza di bacchette magiche non bastava a rendere gli ultimi Harry Potter, via via sempre più cupi, libri per bambini.
Venendo a "Il seggio vacante", è la dimostrazione che un bravo autore può scrivere qualunque cosa.
Il seggio di cui sopra è quello lasciato libero dall'improvvisa morte di Barry Fairbrother, consigliere della cittadina di Pagford.
Nella campagna elettorale per prendere il suo posto si delinieranno le due anime di Pagford: da una parte i cittadini conservatori, decisi a liberarsi degli scomodi quartieri popolari e del centro per la tossicodipendenza; dall'altra coloro che si battono per la salvezza di queste cose.
A dirla così può sembrare un romanzo politico, sull'eterna guera tra la destra e la sinistra, tra i borghesi e i proletari. Invece tutto questo è solo un pretesto per dare vita a una narrazione corale, che mette in luce difetti (pregi ce ne sono pochissimi) di una carrellata di personaggi splendidamente delineati.
Questo aspetto corale per altro fa saltellare il punto di vista da un personaggio all'altro, cosa che io detesto, ma chiuderò un occhio perché si tratta della Rowling.
E'un romanzo non facile da leggere, triste, scioccante, ma molto coinvolgente grazie alla splendida capacità di J.K. di cogliere tutte le sfumature caratteriali. Se vogliamo, è uno sguardo della scrittrice sul mondo dei Babbani, dopo aver messo da parte i maghi.
Sono molto contenta di aver iniziato l'anno con questo libro.

domenica 6 gennaio 2013

Consigli di lettura per l'Epifania 2013

Per quanto riguarda le streghe, quest'anno vi consiglio "I diavoli di Luodun" di Huxley Aldous, ispirato a una terribile storia vera.
Francia, 1631: sotto il regno di Luigi XIII, il cardinale Richelieu, deciso a fiaccare definitivamente le velleità delle città di provincia, ordina la demolizione delle mura di alcuni centri. A Loudun, il barone De Laubardemont, che deve eseguire tale ordine, trova un oppositore in Urbain Grandier, un prete che pur manifestando una sincera religiosità conduce una licenziosa vita privata. La fama di Grandier richiama l'interesse di suor Jeanne des Anges, frustrata superiora delle Orsoline, la quale, allo scopo di stabilire con lui un concreto rapporto, gli offre il posto di direttore spirituale del proprio convento di clausura. Dopo essere stata rifiutata da Grandier, la madre superiora passa a uno stato di isterico furore che in breve trasmette anche alle consorelle. Il canonico Mignon, venuto a conoscenza delle strane perversioni delle monache, d'accordo con alcuni influenti personaggi ostili a Grandier, attribuisce il fenomeno a ossessione diabolica e ne incolpa il prete, affidando le invasate suore agli esorcismi del fanatico padre Barre. Sadicamente torturato e condannato al rogo, Urbain Grandier muore il 18 agosto 1634, rifiutando però sino all'ultimo di confessarsi reo di colpe non commesse. Basato su una rigorosa ricerca storica su un processo di stregoneria, il romanzo è considerato un'opera fondamentale di uno dei più importanti scrittori inglesi della prima metà del Novecento.