domenica 26 settembre 2010

Bestiario stravagante


BESTIARIO STRAVAGANTE, di Massimiliano Prandini, Damster Edizioni
"Bestiario stravagante" è una raccolta di racconti, tutti magistralmente gestiti, che spaziano tra l'horror, il surreale e il grottesco.
L'autore presenta una carrellata di personaggi incredibili: amici immaginari, riflessi di specchi, demoni contabili, cani spia, vampiri in periodo di vacche magre ecc...
Ciò che conta, così come cita la quarta di copertina, è che "...il bestiario sia stravagante: perché in ogni storia dell'orrore che si rispetti è il mostro il vero protagonista."
Quello che mi ha particolarmente colpita, a parte l'originalità e lo stile incisivo ed efficace, è stata la capacità dell'autore di gestire alla perfezione i tempi della forma narrativa "racconto". Quello più perfetto da questo punto di vista è secondo me "Il cassonetto n° 73", che banalmente si potrebbe riassumere come la storia di un netturbino perseguitato da un cassonetto, ma che in realtà riesce a dire molto di più nello spazio di poche pagine.
Altro racconto fantastico è "Una serata come tante altre", che crea nel lettore un senso di smarrimento perchè, fino alla fine, non si è ben sicuri di quale sia effettivamente l'elemento horror.
Insomma, un libro consigliatissimo, assolutamente da leggere.

lunedì 20 settembre 2010

Fantaborgo 2010

Oggi giornata di segnalazioni. Del resto l'estate è finita e la vita attiva riprende a discpito di quella vegetativa.
Duenque, seconda "uscita pubblica" per "Elfo per metà". Io e lui saremo a Minozzo (RE) domenica 3 ottobre dalle ore 14.00 in poi per il "Fantaborgo".
Ecco il comunicato col programma, a cura della scrittrice Chiara Guidarini:
"Ritorna il FantaBorgo! Una giornata dove il fantastico diventa reale, dove tra vicoli tortuosi e strade strette si ci potrà imbattere in strane creature, narratori itineranti,musici, artisti, editori, libreira Liberamente di Langhirano e molto altro!
Per gli amanti della letteratura ci saranno presentazioni letterarie, con le illustri partecipazioni di:
- Francesco Barbi - "L'acchiapparatti" - Baldini Castoldi Dalai,
- Paola Po...ggioli - "La Maschera" - Fedelo's editore,
- Giuseppe Pasquali - "Lunar memories" - Linee Infinite Edizioni.
Presentazione prevista per le ore 14.30, moderata dalla giornalista Nazzarena Milani.
Seguirà il salotto letterario che vede il confronto di una decina di autori oltre a quelli sopra citati: Federica Ramponi, Silvano Scaruffi, Antonio Cinti, Alessio Gallerani, Simone Draghetti, MP Black, Vincenzo Malara, Enrico Matteazzi, Armido Malvolti, Eugenio Saguatti e Chiara Guidarini moderati da Andrea Ferrari, titolare della libreria Liberamente di Langhirano.
Ad accompagnarti ci saranno un mercatino, tanti stand editoriali, stand gastronomici, servizio di trucco bimbi, bar e possibilità di noleggio costumi fantasy medievali. Se partecipi in costume fantasy medievale potrai anche essere premiato!Tra i musici si esibirà il duo "Fabio e Fede Pianobar"e tra gli illustratori ricordo Fabio Porfidia, Mauro Moretti e Ilaria Trombi. Anselmo Razzoli ed Emilio Moggi cureranno le mostre di dipinti, mentre il "Museo delle cose perdute" a cura della Famiglia Ferretti spalancherà le proprie porte a coloro che desiderano
tornare indietro nel tempo... ma non troppo.
Per i più piccoli sarà allestita "la corte dei Balocchi" con tavolini, colori, gonfiabili e tanti giochi, mentre i bambini un po' più grandicelli potranno dilettarsi nella caccia al tesoro delle fiabe nascoste nei castelli di Matilde a cura dell'associazione culturale arte in gioco di reggio emilia. Combattimenti a cura delle Tre Emme di Maranello.
Come l'anno scorso INGRESSO LIBERO!"

Io sarò al banchetto con gli autori Zerounoundici dalle 14.00 e poi alle 17.00 al salotto letterario.
Se siete da quelle parti fate un salto!

Sobrero e Gervasone: segnalazioni

Continuiamo con le segnalazioni, stavolta di due romanzi e-book acquistabili dal sito Dbooks.

All allows'even e il grimorio dei desideri, di Simona Gervasone

Scaricabile a € 6,96 qui:
http://www.dbooks.it/libreria/scheda/45/9/fantasy-e-fantascienza/all-hallow%27s-eve-e-il-grimorio-dei-desideri.html
Questa è la copertina:













E questa è la trama, tratta dal sito Dbooks:
"Ogni famiglia ha la propria storia ed i propri segreti insinuati nelle oscure trame delle proprie origini, ma il baule di cedro nella soffitta di casa Montblanc racchiude in sé qualcosa di ben più spaventoso di una semplice, per quanto appassionante, “cronaca familiare”.
Nonna Ivette sa che ormai il momento è giunto: esiste solo una persona in grado di portare sulle proprie spalle la pesante eredità della sua famiglia, ma sua nipote Erzel potrà davvero farsi carico di tutto questo? Saprà affrontare e sconfiggere la sua stessa natura e diventare quello che mai avrebbe pensato di poter essere?
Un viaggio tra passato e presente che porterà all’unica verità possibile ed all’unico luogo che racchiude in sé l’inizio e la fine di tutto. Torino, la città magica, la città delle Banshee, dei Far-Shee, del Piccolo Popolo e, soprattutto, la città delle Streghe."

Seconda segnalazione (e questo vorrei proprio leggerlo):

Brontolo spaccia e Biancaneve fa la doccia con tutti, di Corrado Sobrero

Lo potete scaricare a € 4,92 qui:
http://www.dbooks.it/libreria/scheda/53/14/giallo-e-thriller/brontolo-spaccia-e-biancaneve-fa-la-doccia-con-tutti.html

La copertina purtroppo non riesco a caricarla, vi lascio solo la trama:
"Nicco e Kappa, restauratore di nani da giardino il primo e giornalista free lance, romanziere inconcludente e gay cinico il secondo, hanno un problema: i nani hanno preso una brutta piega e sono diventati spacciatori di droga. Invischiati loro malgrado in una storia troppo grande e pericolosa, i due amici devono fare i conti con delinquenti dai soprannomi etnici, la ricerca eterna dell'hobby perfetto e il grande amore non corrisposto, in un romanzo noir cinico sentimental-thriller che alterna riflessioni profonde quanto surreali a momenti di azione pura."

venerdì 17 settembre 2010

Altrisogni

Segnalo l'uscita del primo numero di "Altrisogni", rivista digitale che si occupa di weird, horror e fantascienza. Contiene, oltre ad articoli, notizie e recensioni, anche racconti: di Francesca Angelinelli, Luca Ducceschi, Simona Gervasone, Alfredo Mogavero, Massimiliano Monti, Corrado Sobrero, Francesco Troccoli e Fabrizio Valenza.
Siccome è il progetto di un amico ci tengo a fargli i complimenti!

La potete scaricare a poco più di due euro qui:

http://www.dbooks.it/libreria/scheda/54/6/narrativa/altrisogni-01.html

E questa è la copertina, a cura di Antonio Dessì:


Casa Howard

"Lei non aveva bisogno d'infastidirlo con alcun dono suo proprio. Avrebbe soltanto indicato la salvezza, che era latente nella stessa anima di lei, come nell'anima di ogni uomo. Soltanto connettere! Questo era il complesso del suo sermone. Soltanto connettere la prosa e la passione, ed ambedue saranno esaltate, e l'amore umano apparirà al suo culmine. Non vivere più frammentariamente. Basta che tu connetta, e la bestia e il monaco, privati dell'isolamento che è vita per ciascuno di essi, moriranno."
Da "Casa Howard", di Edward M. Foster

Era da un po' che non leggevo un classico. "Casa Howard" è stato un buon motivo per ricominciare a farlo.

Vi lascio una scena del fil di Ivory, con le meravigliose Emma Thompson ed Helena Boham-Carter



giovedì 9 settembre 2010

Commerciabilità&Libertà

La domanda di oggi è: cosa rende un libro "commerciabile"?
Un romanzo può essere scritto benissimo e avere una trama perfetta, ma è sufficiente questo a far decidere a un editore di pubblicarlo?
Non lo so; il problema (il mio problema, ma anche quello degli altri scrittori) è che se non lavori nel mondo dell'editoria non puoi sapere che cosa piace al pubblico, che cosa va forte nel mercato. L'unica idea che puoi farti deriva dagli scaffali delle librerie, ma secondo me è abbastanza parziale, anche se comunque può aiutarti.
Per esempio, per andare sul sicuro potresti provare a scrivere di vampiri o di dei caduti sulla terra (tanto per rimanere nell'ambito del fantasy), solo che così incorri nel rischio del "libro costruito a tavolino": una cosa creata per vendere ma sostanzialmente priva di anima.
Forse il bello di pubblicare con case editrici piccole è che non t'impongono di scrivere un libro in un determinato modo e che tratti di un determinato argomento per renderlo più commerciabile, cosa che invece immagino accada con gli editori grossi.

martedì 7 settembre 2010

Un altro motivo per cui le case editrici a pagamento sono una cattiva idea

Questo è un post un po' banale, nel senso che la cosa che dirò è ovvia, ma mi preme ribadirla perchè mi dà molto fastidio.
Molte delle "case editrici" pubblicano qualunque schifezza purché si paghi, sicuramente senza nemmeno leggere il manoscritto, e così il lettore si ritrova tra le mani libri che meriterebbero di finire giù dalla finestra per come sono scritti. Non parlo di trama e costruzione, sebbene anche quelle siano piuttosto discutibili, ma proprio di grammatica, a partire dalla consecutio temporum. Me la prendo con le case editrici e non con gli scrittori perché so che tutti gli scrittori, per natura, sono convinti di aver scritto un capolavoro.
Toccherebbe all'editore far notare loro il contrario.